Crea sito

Una rilettura del calendario Maya afferma che la fine del mondo sarà settimana prossima

Per i complottisti di Twitter, l’Apocalisse previsto nella profezia non è datato 21 dicembre 2012, come teorizzato dai più, ma 21 giugno 2020

Del 2020 ne avete già avuto abbastanza? Secondo una bizzarra teoria il peggio deve ancora avvenire. La fine del mondo è prevista per la prossima settimana, in base a una rilettura del calendario Maya che circola in rete.

Per i complottisti di Twitter, l’Apocalisse previsto nella profezia non è datato 21 dicembre 2012, come teorizzato dai più, ma 21 giugno 2020. A motivare la questione, un presunto errore di lettura del calendario gregoriano, introdotto nel 1582 per sostituire quello giuliano. Col cambio, sono stati “persi” alcuni giorni all’anno, 11 per la precisione, che sommati tra loro danno otto anni di scarto.

“Secondo il calendario Giuliano, tecnicamente siamo adesso nel 2012″, ha scritto lo scienziato Paolo Tagaloguin in una serie di tweet poi eliminati. Secondo l’improbabile teoria, il giorno del giudizio, dunque, dovrebbe arrivare entro la prossima settimana.

Fonte: huffingtonpost.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »