Crea sito

Le “Altre” Piramidi Egizie

Nel sito di Dashur, si alzano tre grandi piramidi : la piramide romboidale di Snefru (il padre di Cheope) la piramide rossa dello stesso Snefru e la piramide di Meidum.

La piramide romboidale di Snefru

È la più grande della località, detta anche a doppia pendenza, la seconda costruita da Snefru, il padre di Cheope della IVe dinastia. È realmente particolare, non è una piramide classica con la doppia pendenza dei suoi lati. Il fondo della costruzione comincia con una pendenza iniziale di 54°, ma è ridotta a 43° sulla parte superiore. In realtà un primo progetto era quasi completato inizialmente, con una base più piccola ed una pendenza di circa 58°. Per rendere la costruzione più imponente, una costruzione più ampia doveva avvolgere la prima con una pendenza a 54°, ma probabilmente a causa di problemi di stabilità generati dal giunto imperfetto delle due massonerie, la pendenza fu fortemente ridotta, e la costruzione completata allora meno accuratamente.
La sua altezza è di 105 metri, mentre sarebbe stata di 128 metri senza l’ultimo cambiamento di pendenza.

È anche la piramide meglio conservata, avendo conservato la maggior parte del suo rivestimento esterno di calcare. Dentro, ci sono due camere funerarie, due entrate vi conducono con corridoi distinti. Questa sistemazione è un prototipo della struttura interna della piramide di Cheope a Giza.

La piramide rossa

Snefru probabilmente insoddisfatto della sua realizzazione precedente, forse a causa di una mancanza di stabilità della costruzione, realizzò un’altra piramide sul sito di Dahshur, il terzo che comandò, e che sceglie per sepoltura. A causa del colore delle sue pietre, è chiamata anche la “piramide rossa”. Questa volta, la pendenza della pendenza corrisponde al più debole della piramide precedente, la sua altezza era all’origine di 104 metri.

Piramide di Meidum

L’ultimo sovrano della III dinastia, Huni, si fece costruire a Meidum l’ultima e la più grande delle piramidi a gradoni. Analisi dei resti hanno dimostrato che la piramide consisteva di sette o otto gradoni, con un lato di base di circa 122 metri e un’altezza di 82 metri.  Durante il regno di Snofru, il fondatore della IV dinastia, si decise di trasformare la piramide di Huni in una piramide regolare, la prima di questo tipo, colmando gli spazi tra i gradoni e aggiungendo un rivestimento. La piramide geometrica che ne risultò aveva il lato di base di 144 m e l’altezza di 91,7 m.                                                                                                                   Con il tempo il degrado del monumento fece riemergere la struttura a gradoni sottostante. Nel XV secolo erano ancora visibili cinque gradoni, come sappiamo da autori arabi. Oggi resta solo un grande torrione a base quadrata, immerso in una collina di detriti.

Altre piramidi si trovano a Dahshur, delle XII e XIII dinastie, ma si sono fortemente abbassate, poiché all’epoca non erano più costruite con blocchi di graniti.

Translate »