Crea sito

I Maestri Ascesi e l’elevazione spirituale

Che cos’è un Maestro Asceso? È un essere che ha completato la catena delle reincarnazioni, e non ha più l’EGO. Si tratta di un Essere di Luce che è già nel luogo della beatitudine, ma decide di mettersi a disposizione della redenzione. Per questo suo sacrificio, si trasforma (mutando) in un essere di materia e spirito, COSCIENTE della sua condizione e che vive nella consapevolezza delle sua missione. È un “inviato” in missione speciale, mandato dagli Elohim per ravvedere gli uomini e per espiare le loro colpe. Il sacrificio della vita stessa è l’epilogo della sua missione purificatrice. Ma poiché è lui stesso un El o Eloha (singolare di Elohim) anche se momentaneamente incarnato, tornerà a vivere nella Luce Eterna.

Sathya Sai Baba mortoBuddha, Krishna, Gesù (il Cristo, cioè l’incarnazione vivente di Dio) furono tutti Maestri Ascesi. Sathya Sai Baba lo è stato nei giorni nostri oggi.  Sai Baba era un Purna-Avatar, ossia possedeva tutte le caratteristiche e tutta la potenza di Dio, e non solo una parte (per questo non può essere ucciso) e deve aprire molte Coscienze per riparare i disastri dell’era attuale, il kali yuga (per questo si è manifestato in carne e ossa per fare miracoli: solo per essere visto e creduto).

Ogni Maestro Asceso viene sempre preceduto dai profeti, inviati sulla terra allo stesso modo, ma senza aver ricevuto i doni degli Elohim. I profeti sono il tramite tra gli Elohim e gli uomini, e durante tutta la loro vita hanno una missione da svolgere: predicare la rettitudine, la generosità, la giustizia… per equilibrare l’Energia Cosmica. Anche Osiride era preposto a mantenere l’armonia e l’equilibrio, che  gli Egizi chiamavano MAAT.

maat legge universale

Dunque Dio come Coscienza Suprema. E questo oceano di Consapevolezza vibra al suono del Verbo, e questo suono è un mantra: OM. Durante la meditazione, ripetendo questo mantra, si favorisce la consapevolezza.

Tra i più antichi maestri ascesi ritroviamo Thoth. Un personaggio che scese sulla Terra 52.000 anni fa. Per 16.000 anni fu re di Atlantide con il nome Chiquetet Arlich Vomalites. Rimase sulle terra nello stesso corpo fino al 4 Maggio 1991. Avrebbe potuto andarsene molto prima, ma decise di restare qui insieme ad un piccolo gruppo di Maestri ascesi, per insegnarci il cammino verso l’ascensione.

Durante un viaggio di circa 2.000 anni visitò molti pianeti, dove su ognuno si fermo per 100 anni circa, per osservare e copiare il modo di vivere degli abitanti e per poi tornare sulla Terra.

L’impegno di Thoth una volta tornato sulla terra ere di restarvi fino a quando l’umanità avesse raggiunto un certo livello di consapevolezza. Livello che è stato raggiunto il 4 Maggio 1991. A quel punto Thoth ha lasciato il nostro pianeta.

Quello che accadde prima, dopo e durante la guerra del Golfo, fu il culmine di qualcosa. Per la prima volta dopo 16.000 anni a questa parte la Luce su questo pianeta è più forte delle tenebre. Anche se ancora non ce ne accorgiamo l’equilibrio del potere è cambiato, e le leggi si sono ribaltate.

L’atto più importante di Thoth fu quello di introdurre la scrittura nel pianeta. In Egitto Thoth fu chiamato lo scriba, poichè fu colui che trascrisse la storia antica. Fu proprio per questo che Drunvalo andò da Thoth, la maggior parte delle informazioni che Drunvalo ha sulla nostra storia arrivano proprio da Lui. Drunvalo ha sempre specificato che le sue informazioni potrebbero non essere esatte al 100%, ma ciò che insegna è sicuramente molto vicino alla realtà.

Translate »